Sfumature del tempo


Chi affermasse che il tempo è uguale per tutti cadrebbe di certo in una grossolana generalizzazione che non coglie appieno, credo, gli elementi coinvolti in una discussione degna di questo nome. Si può delineare subito che il Tempo è definito da due qualità: Una che riguarda il mondo e una che riguarda noi.

A ben vedere ogni cosa possiede in sé questo aspetto duale. Uno è il lato condiviso, superficiale, con cui interagiamo e comunichiamo con il mondo, l’altro è quello della profonda significazione che noi attribuiamo alle cose. Ma tornando al Tempo, l’aspetto superficiale lo possiamo ben dedurre tutti quanti: è quello collegato alle attività da svolgere, al mettersi in riga e al passo con le convenzioni esterne che per forza devono essere organizzate in porzioni di “tempo”.

Al di là del tempo “convenzionale” troviamo invece il tempo “individuale” che è qualcosa di più emotivo e pertiene maggiormente alla sfera qualitativa più che quantitativa. In questo senso si contrappone alla precedente modalità temporale che invece è focalizzata sul “contare” porzioni singole di tempo. Per sfera qualitativa si intende in merito all’azione che stiamo compiendo. Basti notare quanto scorra effettivamente veloce il tempo quando siamo totalmente coinvolti in quello che stiamo facendo. A questo proposito allora sorge spontanea la domanda: ma ha più dignità il tempo cronologico o il tempo individuale?

Annunci

Suocera illuminata!


Insomma è successo che lo scorso week-end mia suocera ha invitato a sue spese tutti(e dico tutti) ad un hotel termale a Bagno di Romagna per passare a mollo 2 giorni di relax e godimento. Tra i “tutti” ovviamente c’ero anche io, mia compagna e mia figlia di cinque anni che ha scoperto la sua passione per le camere d’albergo tanto che sarebbe rimasta chiusa in camera per tutti i 2 giorni. Mi ricorda un po la mia prima esperienza con le terme in compagnia di mia madre e mia sorella. Più o meno avevo l’età di mia figlia ora. Anche io come lei rimasi sbalordito dalle camere d’albergo e da tutto quello che offrivano tanto che per uscire ogni volta facevi i capricci. Una notte caddi dal letto, mia madre sentì un tonfo sordo ma senza destare sospetti mi rimisi sopra senza che nulla fosse. Da quel giorno questa storia divenne una sorta di barzelletta che non mancano mai di raccontarmi ogni volta che si accenna a quel viaggio. Tornando al nostro week end umido che dire di meglio in questi casi se non un grandioso e caloroso : Grazie !!!

Aria di PreNatale


Prenatal_logo_logotype

Nel mio paesello da qualche giorno si respira già una candida atmosfera natalizia. Forse dovuta al fatto che a breve, i primi di dicembre, inizierà la famosa festa/mercatini che è piuttosto seguita nella mia zona. Tutti sono in fermento. Gli addetti ai lavori, i comuni cittadini, ma anche a quelli che ai lavori non partecipano ma si godranno il paese da visitatori. L’aria autunnale punge i visi di primo mattino mentre si scaricano alberi, addobbi, luci. C’è chi fa colazione, chi si mangia un panino, chi bestemmia presto. Tutti stretti nel freddo abbraccio dell’inverno che  gela le membra ma scalda i cuori.

Blog che seguo


Ho stilato una piccola lista di bloggers con cui interagisco ultimamente alla seguente pagina (in realtà sono solo 4 ma potrebbero aumentare). Se siete nella lista gioite e leggete. Se non siete nella lista il consiglio è di desiderarlo ardentemente … Potete trovare la pagina anche nel menù principale. Se nel menù principale voi non ci andate mai perché leggete dal Reader peggio per voi!

A presto

Il Lavoro – Fase_3


Ora che cerco il lavoro mi capita sovente di inviare mail, curriculum, richieste di collaborazione o di candidarmi in qualche sito web. Morale della favola: Oh mai nessuno che rispondesse! Nel senso che non è che pretendo di essere assunto da qualcuno ma almeno di rispondere, far vedere che si è vivi. Magari per confermare la ricezione o solo per un commento, un saluto,che ne so …

Mi sto mazziando per scrivere pure lettere di presentazione diverse a seconda del destinatario e della tipologia di azienda. A volte mi nasce il dubbio che all’altro capo delle e-mail che ho sottomano non ci sia nessuno. Come scrivere al vento parole destinate all’oblio del tempo senza una speranza che qualcuno, anche per sbaglio, possa leggerle. Ci passo le mezze giornate a scrivere di tutto su di me: esperienze, studi, passioni, ma poi c’è qualcuno che legge? Mah … il mistero si infittisce. Io nel dubbio mando.

Caldo cinese


ristoranti-cinesi-a-rimini

Sabato sera. Un pochino incerti sul da farsi decidemmo dopo un giro nel centro città di imbucare il primo ristorante cinese per affrontare la cena. Sulle prime rimasi un po incerto non tanto per la natura etnica del ristorante quanto sul fatto che in quel posto preciso non ci fossi mai stato. Sono piuttosto scettico nel recarmi in posti che non conosco affatto essendomi ritagliato, almeno nella mia città, una rosa di luoghi appetibili selezionati dopo anni di esperienze. Ma va beh, mi dissi … tanto più o meno i ristoranti cinesi si somigliano tutti, uno vale l’altro.

Optammo quindi per quel luogo ma all’ingresso percepimmo al volo la situazione drammatica che si stava vivendo al suo interno. L’unica sala del ristorante consisteva in un angusto stanzino di 4 metri per 4 con una piccola finestra sul viottolo esterno. Una tenda separava l’ingresso dalla sala quindi appena entrati non ci accorgemmo della natura angusta della stanza. Ci scambiarono subito per qualcuno che aveva prenotato e ci diedero al volo un tavolo accanto ad una coppia di signori che parevano anche loro capitati li per caso.

Una volta seduti capimmo che avremmo dovuto cenare tête-a-tête con gli avventori seduti sul tavolo di fianco al nostro ma se il disagio fosse stato solo per quello sarebbe filato tutto liscio. L’elemento tragico della serata si rilevò invece essere lo sciagurato condizionatore che incombeva sulle nostre teste e che ci avrebbe tenuto compagnia per tutta la cena. All’interno della stanza credo si siano sfiorati i 60 gradi centigradi, tanto che a un certo punto decisi di chiedere alla cameriera di spegnere o quantomeno abbassare cortesemente il riscaldamento che veniva sparato da un tremendo bocchettone a circa 2 metri dalle nostre teste. Con un gesto brillante mi fece cenno di aver capito ma il riscaldamento però continuò a restare acceso.

Nel frattempo ci servirono l’acqua. Già era qualcosa perché con tutto quel calore ci si era seccata la gola tanto che non riuscivamo più a capirci tra di noi mentre parlavano. A qualcuno cominciarono a bruciare gli occhi. All’arrivo del mio pollo alle mandorle decisi di ritentare visto che la cameriera mi si accostò per servirmi il piatto. Dissi di spegnere il riscaldamento perché qualcuno cominciava a avere le visioni, come nel deserto. Mi fece il gesto dell’OK quindi mi tranquillizzai incominciando a mangiare la mia portata.

Portarono la birra ma io decisi di bere solo acqua viste le condizioni vaporifere che stavamo accusando. Evidentemente qualcosa era andato storto con la cameriera. O non ci capivamo o io ero così annebbiato dal calore da non riuscire ad esprimermi. Nel complesso però la tortura si rivelò breve perché tutti mangiarono a velocità della luce lasciando perdere caffé e dolce cercando l’uscita nel più breve tempo possibile. Una volta fuori mi ripromisi che da quel momento in poi … Mai più posti a casaccio!