Igloo


igloo

Tutta l’arte di Merz è un lavoro sull’energia. Dal 1968 indaga su strutture archetipe come l’igloo, che realizza con i materiali più diversi (creta, tela, pietra, vetro, cemento) e attraverso il quale crea uno “spazio esterno” che “è misura di uno spazio interno”. Il percorso espositivo al Castello di Rivoli inizia proprio con l'”Igloo di Giap”, del 1968, dedicato al generale vietnamita. Gli igloo di Merz collegano l’antico al futuro, la dimensione umana dell’abitare e il rapporto vivo e dirompente con ciò che ci circonda. Con l’igloo l’artista recupera “una forma minimale come la bolla di sapone, cioè una membrana sempre tesa al massimo della sua plasticità…una fusione di tanti linguaggi e tanti pensieri, di osservazioni geometriche, aritmetiche e geografiche: l’uomo ha acquistato diverse facce, un contadino, un marinaio: anche l’igloo assume diverse facce ogni volta che cambia posizione, anche geograficamente”. Igloo, tubi al neon, ma anche tavoli, sulle cui superfici viene disposta frutta e verdura lasciate al loro decorso naturale, e i lavori ispirati dalla progressione numerica dell’abate Fibonacci, dove ogni numero è il risultato della somma dei due precedenti, come nella serie che dal 1994 si arrampica sulla Mole Antonelliana. Emblema dell’energia insita nella materia, “nella serie di Fibonacci non ci sono limiti spaziali, perché lo spazio diventa infinito. 

Tratto da GiovaniArtisti.it

Annunci

3 thoughts on “Igloo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...