Cambio di “guardia”


24900213_10211384670874516_7457547976726460875_nEsimio Ingegner Cane Athena – Da oggi scrive lei nel blog. Nella foto (mossa) in posizione da attesa in supplica prima di uscire per la passeggiata.

Se vuoi puoi seguire le avventure del mio cane QUI o QUI

Annunci

Lezioni di fotografia


Luigi Ghirri (Scandiano 1943-Roncocesi di Reggio Emilia 1992) ha rinnovato con le sue fotografie il nostro modo di guardare il mondo, e c’è un’intera generazione di fotografi che non potrebbe esistere senza la sua opera. Durante il 1989 e il 1990 Ghirri ha tenuto una serie di lezioni sulla fotografia all’Università del Progetto di Reggio Emilia, lezioni che sono state trascritte, e in questo libro per la prima volta pubblicate; ognuna corredata dalle fotografie e dalle immagini che mostrava agli studenti e di cui parlava.
È un libro di grande utilità per avviarsi all’arte della fotografia e all’arte di Luigi Ghirri, e per pulirsi un po’ lo sguardo.

“Tutti i tipi di foto costituivano per Luigi un alfabeto, da Walker Evans (il suo fotografo preferito), al fantastico Eugène Atget, ad Andrè Kertész, ai personaggi di Nadar, agli innovatori Moholy-Nagy e Muybridge.
A Reggio Emilia Luigi non insegnava la foto come arte separata dal resto, ma come appartenente a un alfabeto dove si collegano varie abitudini del vedere, e in cui riconosciamo un mondo abitabile”. – Gianni Celati

Neve sulla costa


Continua l’opera di riciclaggio dei vecchi post che si trovavano sul vecchio blog. Oggi mi son fatto prendere dalla nostalgia e ho rispolverato questo articolo che mi vede alle prese con una anomala nevicata dei primi mesi del 2010. Mi sembrava alquanto logico pubblicarla in piena estate, come spietata legge di contrappasso, visto che in questi giorni tral’altro si schiatta dal caldo …

Neve sulla costa.

Oggi è una di quelle giornate in cui spunta un timido sole dopo secoli di maltempo, la primavera sembra quindi essere alle porte. In linea teorica è già incominciata. Proprio oggi in questa giornata di sole terso mi sento di parlare della neve che nel mese di Gennaio ha imbiancato le mie zone. Non che sia una neve particolare, non una nevicata da spezzarsi le ossa ma comunque nel suo piccolo è stato un evento di ragguardevole importanza se teniamo conto che nella mia città non nevica manco a fargli la danza!

Parlo della nevicata perchè è la prima che mi godo in tutta tranquillità, se vogliamo, anche perchè il mio status di disoccupato cronico mi concede questi piccoli piaceri della vita alla faccia di chi la neve la spala. E’ incredibile constatare con quanti stati d’animo ci si può accostare allo stesso evento. Per esempio in un giorno lavorativo uscendo dal portone di casa avrei maledetto il cielo e tutta la volta aurea del creato vedendo neve e ghiaccio a profusione, non che avessi qualche cosa contro la neve in sé, ma l’idea di dover pattinare con la mia auto per i 15 chilometri che mi separano dal lavoro mi sarebbe risultata alquanto pruriginosa. Una buona imbiancata ora che sono a spasso mi è parsa un’ottima occasione per rifarsi un po di tono e per godere appieno delle qualità tonificanti di una buona passeggiata. Tutto ciò con la mia fida macchina fotografica compatta che mi ha sempre dato delle soddisfazioni.

Appena alzato ero in uno stato di febbrile insofferenza, come quando ci si sveglia la mattina da bimbi con la consapevolezza sia di saltare le lezioni sia di godersi un giorno di giochi sfrenati a spasso per il manto nevoso. Prendo la mia HP e mi fiondo giù per le scale. Con mio sommo stupore noto che quando nevica i primi ad uscire sono gli anziani. Te li ritrovi barcollanti e sbottanti, reduci di un’esplosione atomica mentre cercano di stare in piedi tra i lastroni che disseminano il terreno. La luce illumina l’andamento incerto dei passi mentre parlano tra di loro della nevicata del ’32, alcuni ricordano, altri fingono di ricordare. Per quello che mi riguarda scarto gli anziani aggrappando saldamente il piede in una zona del selciato risparmiata dal ghiaccio, riesco a malapena a stare in piedi io! Gambe in spalla e risalgo il corso che sembra una pista da sci con tanto di bandierine e baristi con vassoio che arrancano tra i tumuli. Arrivo in piazza dove vengo colto da frenesia dello scatto.

Fotografo di tutto, dalla fontana al palazzo ducale, ai ciottoli innevati e scambio per sbaglio un pupazzo di neve per un bambino chiedendogli scusa per averlo urtato. E non sono il solo, altri disperati arrancano per accaparrarsi angoli suggestivi e scattare foto digitali che non stamperanno mai. A me succede così. C’è anche chi è più professionista con degli apparecchi su cavaletto con obiettivi da paura. Non mi scoraggio e stufo dell’affolamento della piazza mi tuffo in una via laterale per svoltare verso il mare. Il lungomare è tutto un tripudio di brillantezza, mi stropiccio gli occhi dal fastidio e dal riverbero del sole sulla neve ma lo spettacolo è grandioso e insolito. C’è comunque chi non rinuncia alle abitudini, chi porta a spasso il cane, chi fa stoicamente Jogging infischiandosene delle condizioni avverse.

Qui la neve sul marciapiede è ancora più gelata e si fa fatica a stare in piedi, decido quindi di avanzare verso la spiaggia. Arrivo sulla battigia sgombra da neve come un sanbernardo con la borraccetta di liquore e la lingua di fuori. Inizio pure a vederci doppio sia per il riflesso sia per la stanchezza e sfiancato mi accoccolo su un invitante sgabello di neve che sembra puntarmi. La spiaggia così mezza innevata sembra il ventre maculato di una vacca, il mare uno spettacolo unico, mi fisso su di un punto e comincio a osservarlo come un monomaniaco quando mi accorgo di avere ancora la mia fedele HP in saccoccia. Il panorama merita uno scatto, mi alzo scrollandomi la neve dalle chiappe e mi accorgo che la batteria è scarica …

La foto del giorno


 

Banksy (Bristol, 1974 o 1975) è un artista inglese.
È uno dei maggiori esponenti della street art. Si sa di lui che è cresciuto a Bristol ma la sua vera identità è tenuta nascosta. Le sue opere sono spesso a sfondo satirico e riguardano argomenti come la politica, la cultura e l’etica. La tecnica che preferisce per i suoi lavori di guerrilla art è da sempre lo stencil, che proprio con Banksy è arrivato a riscuotere un successo sempre maggiore presso street artists di tutto il mondo. I suoi stencil hanno cominciato ad apparire proprio a Bristol, poi a Londra, in particolare nelle zone a nordest, e a seguire nelle maggiori capitali europee, notevolmente non solo sui muri delle strade, ma anche nei posti più impensati come le gabbie dello zoo di Barcellona. Nonostante la recente fama mondiale, e le notevoli quotazioni delle sue opere, Banksy continua a rimanere fuori dallo starsystem e a preferire la sua arte in mezzo alla gente comune.

Tratto da Wikipedia