Assedio al Castello


Anno Domini 1446, mese di ottobre. Gli eserciti di Francesco Sforza e di Federico da Montefeltro cingono d’assedio il castello di Gradara. Soltanto gli abitanti del borgo e poche decine di fedeli uomini d’arme fedeli al loro Signore si oppongono, Sigismondo Pandolfo Malatesta, si oppongono eroicamente alla furia degli assedianti.
Le bombarde tuonano giorno e notte contro le alte mura di Gradara cercando di sbriciolarle mentre fame e stanchezza si insinuano nell’animo dei Gradaresi rischiando di soffocare il piccolo barlume di speranza che ancora vi abita.

Un’accurata ricerca storica delle cronache del tempo e un inquadramento generale del periodo storico senza perdersi nella eccessiva ricerca del particolare, assieme ad un taglio volutamente divulgativo, sono gli elementi di base di questo avvincente fumetto che ripropone qualche episodio del terribile assedio di Gradara.
 43 giorni di battaglia durante i quali i tre più grandi capitani di ventura della penisola si sono affrontati mattendo in campo tutta la loro ferocia e astuzia; Francesco Sforza, il più anziano ed esperto, alleato con un giovane Federico da Montefeltro, non ancora duca d’Urbino ma destinato ad un futuro glorioso, affrontano in altrettanto giovane Sigismondo Pandolfo Malatesta, Signore di Rimini, uomo audace e valoroso ma del carattere terribilmente impulsivo.
Ricostruzione storica della vicenda e racconto si fondono in questo volumetto che vuole avvicinare giovani e adulti alla nostra storia, così intrigante e coinvolgente che non è stato necessario aggiungere nulla alle cronache dell’epoca, è bastato raccontare i fatti come ci sono stati tramandati.

————————————————————————————————————-

E’ sempre un piacere per me quando si parla di uno dei luoghi che hanno maggiormente segnato il mio immaginario medievale. Un luogo magico dove si respira il pulsare di ritmi antichi, il misterioso ritmo che scandiva l’esistenza dell’uomo del passato. Un uomo sempre in lotta contro le circostanze avverse; da un lato i conquistatori erranti, spavaldi, senza scrupoli dall’altro il popolo alle prese con la quotidiana lotta per la sopravvivenza.

Tutto ciò per parlare dell’anno Domini 1446 quando gli eserciti di Francesco Sforza e di Federico da Montefeltro cingono d’assedio il castello di Gradara. La storia completa dell’episodo è narrata mirabilmente in questa produzione a fumetti che ho avuto il piacere di acquistare proprio tra le mura del borgo. Essa con linguaggio semplice ma efficace narra i principali eventi dell’assedio, dalle sanguinose battaglie per la difesa del castello agli inquietanti risvolti diplomatici che caratterizzarono l’episodio.

Annunci