Red Sonja N.1 – Il Celestiale di Gathia

“Sappi, o principe, che negli stessi giorni in cui il Cimmero vagava per i regni Hyboriani, una delle poche spade degne di incrociare la sua era quella di ina donna guerriero della maestosa Hyrkania. Costretta a fuggire dalla sua terra per avere respinto le avances di un re e poi di averlo ucciso, si diresse a Ovest, verso le steppe di Turan e le nebbie ombrose della leggenda”
Cronache Nemediane

Proseguendo sempre sulle tematiche della Sword & Sorcery e visti i miei precedenti post sul Cimmero non potevo abbandonare per strada la sua versione al femmine di cui ho già parlato tempo addietro quando acquistai il numero che ora andrò a spulciare un pochino più nel dettaglio.
Red Sonja, detta anche la Diavolessa con la spada, è la funambolica protagonista di un singolo racconto di Robert E. Howard intitolato The Shadow of the volture ma approda in campo fumettistico solo con  Roy Thomas e Barry Windsor-Smith sul numero 23 di Conan the barbarian. Da precisare che la Sonja che conosciamo noi oggi non ha niente a che fare con quella tratteggiata da Howard nel suo racconto che era ambientato nel XVI secolo. In italia conosciamo al Rossa grazie alla trasposizione cinematografica del 1985 intitolata Yado e che vedeva la procace Brigitte Nielsen come prima donna. Nel 2005 inizia ad opera della Dynamite Entertainment la pubblicazione della serie regolare della Rossa che gode di un discreto successo anche grazie al lancio della nuova serie dedicata a Conan. In questo volume edito dalla Panini Comics troviamo i primi sei numeri della serie compreso il numero 0 di presentazione.
Ora entrando nel merito del volume troviamo fin dalle prime battute una Red Sonja in super assetto da battaglia. L’episodio incominicia infatti con la nostra che salva un messaggero di Gathia dalle grinfie dei primitivi Zedda. I due si ritrovano quindi a partire alla volta della città ma lungo il viaggio il povero messaggero muore mentre si abbevera nel fiume per mano di un’orrendo mostro vegetale. La nostra decide quindi di caricare il cadavere sul cavallo e di portarlo tra le mura della città. Ma qui attende un’accoglienza un pochino rude, la nostra viene attaccata dalla guardia cittadina e gettata nella fossa dove uccide un demone con l’ausilio del fuoco. Questo gesto le guadagnerà l’attenzione del Sommo Sacerdote Fa’. Allo stremo delle forze Red Sonja viene quindi catturata ed il Celestiale decide di sacrificarla al Dio Borat-na-Fori. La Rossa riesce comunque ad uscire più o meno indenne dal sacrificio anche grazie all’intervento di Fa’ che in realtà si scopre essere un attivista dei ribelli che si oppongono allo spregiudicato dominio del Celestiale. Nel frattempo il nuovo Sommo Sacerdote sotto il comando del Celestiale fà saltare le dighe del luogo e allaga i villaggi degli Zedda che trovano riparo tra le fila dei ribelli guidati da Fa’. Red Sonja dopo uno scontro con il capo tribù Zedda si ritrova alla testa di questo singolare esercito che punta ora verso le mura di Gathia. Nonostante la notevole inferiorità numerica l’esercito ribelle riesce a penetrare tra le mura della città mentre Sonja punta verso la magica torre dove risiede il Celestiale. Il racconto culmina con l’epico combattimento tra la Rossa ed il sommo Celestiale che in reaaltà si scopre essere uno Zedda. Il finale a dir poco tragico dà spunto per qualche riflessione riguardante il prezzo della pace e quello della libertà.

Exogino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...