Pubblicato da: exogino | luglio 21, 2011

Storia infinita


Il mio vicino è un figo! Succede che costui ha un vecchio rudere accanto a casa mia e ha deciso di ristrutturarlo completamente per adibirlo a non si bene che cosa, forse a un bedébreffà, come dice … intanto manco lui sa cosa diventerà.

Forse durante il corso dei lavori l’opera verterà a qualcosa di più grandioso, forse con un archetto la, un soppalchetto di là e qualche colonna potrebbe trasformarsi anche in una cattedrale gotica da far invidia all’abate Suger, tanto per far concorrenza alla chiesa locale che qualche santo in paradiso non fa mai male.

L’inizio dei lavori si perde nella notte dei tempi. Al mio arrivo in paese lui già era al lavoro da molto, si parla di anni. Nel cartello l’iscrizione recita il 2007, ma credo che quell’anno sia stato preceduto da meticolose progettazioni e visto che ha deciso di fare da solo per risparmiare credo che ce ne vorranno almeno altri 12 anni per portare a termine l’opera. Malgrado tutto lui non si perde d’animo. Anzi se la prende comoda perchè su due giorni che lavora, ne passa tre o quattro a casa. La sua incostanza però gode di una non ben definita regolarità, sembra disporre di un tempo di attesa infinito, non si prefigge mai alcuna scadenza; anche perchè nel qual caso lo facesse saprebbe che non riuscirebbe a rimanere nei termini.

A sentire a lui nel suo settore c’è crisi profonda: niente lavoro, zero, nisba – Caput! Tutti assediati dai debiti, sull’orlo del collasso Lui è un pezzo che sta a casa e nel frattempo si costruisce il suo monumento, si dedica a improbabili piani di cambiamento per la sua vita. Mi ricorda per certi versi Santiago. Lui combatteva contro un pesce enorme, il mio vicino combatte contro un’opera eccezionalmente ambiziosa, così grandiosa che nemmeno lui sa definirne i contorni.

Dopo quattro anni di lavori ha terminato la facciata e ha inserito il soppalco. Non sono un esperto del campo ma penso che per portare a termine il tutto manchi ancora tanto. Credo che se continuerà per molto incomincierà a contagiare anche me. Chissà che a vedere la sua incrollabile fede, non diventi anche io un suo pio devoto iniziando a spalare calcina e a caricare sabbione sull’Ape. Se non altro terminerebbe più in fretta … i vicini non servono forse a questo?!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: