Sul volontariato


Io  partecipo dell’essenza di quel popolo nordico orgoglioso e pieno di sé che non ha mai avuto il minimo senso dell’avventura, ma che tuttavia ha battuto la  terra, l’ha messa sossopra, lasciando relitti e rovine dappertutto. Spiriti inquieti, ma non avventurosi. Spiriti angosciati, incapaci di vivere nel presente. Sciagurati vigliacchi tutti quanti, me compreso. Perchè c’è solo c’è solo una grande avventura, ed è al didentro, verso l’io, e per questo non contano né il tempo, né lo spazio, e nemmeno le azioni.

Henry Miller – Tropico del Capricorno.

Non manca mai occasione che qualcuno mi rammendi le qualità vivificanti e tonificanti del volontariato. Molti interlocutori zelanti si affacciano per decantare le loro avventure in ogni campo dello spontaneo aiuto al prossimo, e ciò e bene. Lungi da me dimenticarmene visti i miei 10 mesi come obiettore di coscenza ben dieci anni fa. 10 mesi che mi hanno aperto gli occhi sulle condizioni in cui versano molti anziani, e non solo, proprio nella mia città, ma penso che la cosa sia analoga in molto altre. Uno sfondo di solitudine, miseria, aridità di cuore da far paura sotto lo strato attivo e produttivo della nostra bella civiltà dell’ottimismo. Quante nobili azioni si possono compiere in nome del prossimo, si può per esempio partirsene ed andare in uno di quei paesi lontani, soggiogati dalla presenza dell’uomo bianco , come volontario per esempio in Africa. E ciò e cosa molto buona! Ma piccole considerazioni si affacciano al mio orizzonte, forse un po cinicamente, ogni qualvolta sento parlare di questi estremisti dell’aiuto. Perchè partirsene in luoghi lontani? C’è forse carenza di disgrazie anche nella nostra metropoli da prendere una decisione simile? O è forse la brama egoistica di partire, di andare lontano, di sfuggire dalla morsa dell’inutile quotidianità che ci circonda di farne tutto un pacchetto di esperienze e di portarselo a casa come un trofeo o come una nuova spunta sul nostro curriculum da bravo cittadino occidentale?  Per portare poi che cosa? Per trasformare l’intrasformabile, per insegnare a questa gente a vivere come noi, a creare una civiltà, sulle rovine della loro, da cui noi siamo appena fuggiti. Credo invece che non sia necessario viaggiare, andare lontano per far del bene al prossimo. Basta un briciolo di considerazione umana,  quotidianamente, alla gente che marcisce di solitudine dentro le proprie case. Esclusi che ce ne sono a bizzeffe, basta girare l’angolo, sbirciare tra le finestre mentre si cammina tra il caldo di questi giorni. Dedicare un briciolo del proprio tempo non costa nulla, un sorriso, una parola dolce, un gesto carino …

Annunci

12 thoughts on “Sul volontariato

  1. Come non concordare? Soprattutto sul fatto che il volontariato rinfranchi lo spirito, infatti io credo che, anche in virtù della suddetta qualità, sia da considerarsi una cosa cmq egoistica, che fa bene anche a noi stessi. L altruismo non esiste. Come ci sentiamo quando facciamo qualcosa x qualcuno? Anche la più piccola. Camminiamo a un palmo da terra ed è una cosa grandiosa. Se tutti ci concedessimo questa sensazione ogni tanto, però, sarebbe una gran cosa.

  2. giusto! Ampliando il discorso potremmo dire che bisognerebbe essere pronti ad aiutare al di la del proprio piacere, come tu giustamente dici “egoistico”. E’ facile relegare l’aiuto a pochi momenti delimitati tra le proprie faccende. E’ ben diverso esercitare l’amore verso gli altri ogni giorno, nelle piccole scelte quotidiane …

  3. E’ vero l’uomo è essenzialmente un essere egoista,anche quando è impegnato a fare del bene lo è,perchè in fondo lo si fa più per stessi che per gli altri.
    Mi sono un pò incartato ma credo che è difficile pensare agli altri di questi tempi quando a volte non si è neppure in grado di pensare a se stessi.
    La più bella forma da altruismo per me è cmq quella segreta,quella che non si viene mai a sapere,quella fatta senza clamore e sotto silenzio.
    Ecco,lì sono prontissimo a credere all’altruismo e alla buonafede. 🙂

  4. Un giorno rimasi invischiata in un ragionamento che cercai di fare tra me e me: anche se non lo dirai a nessuno, il tuo gesto altruistico ti genera soddisfazione personale, e per i credenti ti ‘guadagni un pezzettino di paradiso’, percui non potrai mai dire d’essere del tutto altruista.
    Insomma, restai un po’ sconcertata da questa ‘scoperta’. Poi decisi di fregarmene di tutte queste seghe mentali. Qualunque cosa facessi per gli altri, anche se poi mi ripagava pienamente, a qualcuno aveva dato un po’ di felicità. Poi se siamo felici in due tanto meglio.
    Per allacciarmi al discorso del bisogno nel quotidiano: torno ora da un campo con 27 bambini di cui 25 con situazioni molto difficili, eppure abitano nella mia città, in un paese ‘civilizzato’. La felicità più grande è quando sei stanchissimo ma ti guardano e con il sorriso ti dicono che sono felici e vedi che gli hai regalato dieci giorni di vita serena come ogni bambino meriterebbe.

    • il tuo gesto altruistico ti genera soddisfazione personale, e per i credenti ti ‘guadagni un pezzettino di paradiso’, percui non potrai mai dire d’essere del tutto altruista.
      questo lo so bene anche io, per questo nel commento di prima ho scritto che bisognerebbe essere pronti ad aiutare al di la del proprio piacere.
      A me non interessa fondamentalmente avere la consapevolezza di essere “altruista” in maniera sporadica, ma avere la certezza di condurre un’esistenza che non sia proficua solo per me ma anche per chi mi sta accanto giornalmente.

  5. Io sono partira per il Kosovo per vedere se quelle stronzate che mi dicevano in televisione erano vere, un po’ poco vero? Ma sai ho avuto la conferma che i complotti esistono e ti posso assicurare che i motivi per cui l’occidentale parte sono i più disparati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...