Pubblicato da: exogino | aprile 14, 2010

Formalismi


Sembra assurdo dover assumere con quegli amici, quelle conoscenze di una vita, atteggiamenti che governano in parte quella zona penosamente borghese della nostra esistenza sociale. Gli stessi amici delle uscite all’ultimo minuto, delle scappate selvagge del “non so cosa faccio domani” ora inscatolati nelle rassicuranti posizioni del “ci sentiamo presto” o “una di queste sere”.

Tutto è procastinato ad un non ben defenito futuro non ancora chiarito all’orizzonte. Non c’è più quindi un dialogo da formare assieme un discorso comune ma un continuo rimandare alla prossima cena o al prossimo incontro casuale sulla cresta di una serata passata con altri.

La gioie e l’entusiasmo di un tempo hanno ceduto il passo ad una cupa rassegnazione di chi pensa a fare altro e che pensa che sia altrove il vero perno roteante che fa girare la vita. Non che voglia essere un accentratore, ben lungi da me esserlo, ma è solo una sensazione spiacevole che ho dovuto registrare nel contattare quelle persone che un tempo per me valevano qualcosa, non perchè particolarmente brillanti o simpatiche ma perchè avevo forse l’illusione di percorrere un tratto di strada assieme.

Oggi questi residui di ciò che un tempo è stato, queste briciole mediocri di quello che una volta era amicizia non sono più in grado di raccoglierle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: