Discordanze


Capita di passeggiare per le vie del centro, come capita a tutti, come è capitato a me l’altra sera. Capita inoltre di passare magari davanti un “centro di arti visive” tanto in auge in questi periodi specialmente nelle città borghesemente sonnacchiose come quella in cui ad oggi risiedo.

Ma cambiando registro ed addentrandomi nel dettaglio di quello che ho potuto osservare (sempre se di osservazione si può parlare) voglio precisare che in un primo momento la mia attenzione è stata attirata da un nugolo di persone che stanziava attorno ad un tavolino imbandito con ogni sorta di luperia, evidentemente il servizio di catherig stava riscuotendo un notevole successo; ma subito dopo ho notato appese ai pannelli una serie di fotografie in bianco e nero: e che fotografie!

Il reportage era di un fotografo italiano partito per cuba; non ho letto con attenzione le spiegazioni laterali ai pannelli ma si trattava di un viaggio in cui l’autore partito per un preciso scopo si era poi trovato a fotografare le stamberghe degradate dell’Havana e gli individui che le abitano. Foto che tral’altro ritraevano una bambina legata per una gamba all’esterno di una stamberga cadente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...